ANTHROPOLOGIE, IKEA E ZARA TRA I VINCITORI DEI PREMI VEGAN HOMEWARE 2018

 

Per divulgazione immediata:

4 giugno 2018

Contatto:

Sascha Camilli +44 (0) 20 7923 6244; [email protected]

ANTHROPOLOGIE, IKEA E ZARA TRA I VINCITORI DEI PREMI VEGAN HOMEWARE 2018

Dai tappeti in finto montone alle lenzuola di alta qualità, la PETA presenta la lista dei migliori acquisti, per una casa bella ed etica

Roma – Data la domanda in aumento per arredi e mobili compassionevoli ed ecosostenibili – che va di pari passo con il crescente interesse nello stile di vita vegano – la PETA ha presentato per il secondo anno consecutivo i Vegan Homeware Awards riconoscendo i migliori progetti ed innovazioni di quest’anno, per una casa cruelty-free.

Anthropologie ha vinto il premio Miglior divano vegan per Angelina, il suo sofà turchese realizzato con una resistente “lana” in poliestere; Zara è stata premiata per la Migliore coperta senza lana per la sua eccentrica coperta multicolore in tela intrecciata; il premio per Migliore cuscino senza piume è andato a Weaver Green per il suo Nomad Taurus Cushion, realizzato interamente con bottiglie di plastica riciclate; The White Company ha ottenuto il premio per Migliori lenzuola senza seta per la sua lussuosa collezione di biancheria da letto Camborne; e per il secondo anno consecutivo, IKEA ha vinto il premio per Miglior tappeto in finto montone per il suo morbido e caldo tappeto Fårdrup. Tra gli altri vincitori ci sono il designer israeliano Erez Nevi Pana, che ha ricevuto il Premio innovazione per i suoi artistici mobili vegani – realizzati con materiali naturali come il sale e la terra – e l’influencer di Instagram Suszi Saunders, che ha vinto il premio Migliore casa vegana per sua residenza londinese, sontuosamente arredata.

“I consumatori compassionevoli possono arredare le loro dimore con i prodotti vincitori del Vegan Homeware Awards PETA, belli e senza crudeltà,” dice il direttore della PETA Elisa Allen. “La PETA è lieta di onorare le aziende lungimiranti che si stanno innovando in risposta alla crescente domanda per abitazioni con articoli vegan alla moda e funzionali, capaci di abbellire ogni spazio.”

La PETA, il cui motto dice in parte che “gli animali non sono nostri da abusare per nessun fine”, ha pubblicato diverse investigazioni che rivelano come molti degli animali uccisi per la pelle patiscono prima la castrazione, la marchiatura, il mozzamento della coda e la decornazione senza antidolorifici, dopodiché sono scuoiati e smembrati – alcuni quando ancora coscienti. In Cina le oche, sofferenti e terrorizzate, vengono spennate vive. Altri operai prendono a calci e pugni delle docili pecore, e persino gli rompono il collo, mentre le tosano violentemente per la loro lana. Oltre ad essere più gentili con gli animali, i tessuti vegani – naturali o sintetici – hanno un’impronta ambientale minore rispetto alla devastazione causata dall’agricoltura animale e dalle sostanze chimiche che devono essere utilizzate per prevenire la decomposizione dei materiali di origine animale nelle case delle persone.

Per ulteriori informazioni su ciascuna categoria e per vedere tutti i vincitori, visita PETA.org.uk.

#