FOTO: I ‘COCCODRILLI’ VITTIME DELLA MODA PORTANO UN MESSAGGIO ALLA MILANO FASHION WEEK

 

Per pubblicazione immediata:

21 febbraio 2017

Contatto:

Sascha Camilli +44 (0) 20 7837 6327, int. 235; [email protected]

FOTO: I ‘COCCODRILLI’ VITTIME DELLA MODA PORTANO UN MESSAGGIO ALLA MILANO FASHION WEEK

PETA fa appello ai consumatori e ai designer di stare lontani dalle pelli esotiche prodotte crudelmente

Milano – Un trio di modelle quasi nude, vestite con poco più di lingerie e maschere di coccodrillo, ha brandito cartelli che proclamavano: “Smascherata la crudeltà verso i coccodrilli” e “Gli animali muoiono per le pelli esotiche”, stamattina prima dalla Settimana della Moda di Milano.

Le foto dell’evento sono disponibili qui, qui, qui e qui.

Una recente denuncia di PETA degli allevamenti di coccodrilli in Vietnam – tra cui due che hanno fornito le pelli a una conceria di proprietà della società madre di Louis Vuitton, LVMH – ha rivelato che gli animali sono confinati in piccoli box e che a volte vengono squartati mentre sono ancora vivi.

“Non c’è niente di chic nello stipare degli sensibili esseri viventi dentro dei pozzi, farli a pezzi e poi lasciarli morire”, dice il direttore dei programmi internazionali di PETA Mimi Bekhechi. “PETA chiede a tutti di evitare i prodotti realizzati con pelli di animali esotici e scegliere invece la gentilezza dello shopping vegan”.

PETA – il cui motto recita, in parte, che “gli animali non sono nostri da indossare” – ha messo in luce la crudeltà negli allevamenti di rettili in tre continenti (Africa, Asia e Nord America), rivelando in tutti i casi che questi animali sensibili e intelligenti sono costretti a vivere in condizioni squallide prima di essere uccisi in modo violento e doloroso.

Per ulteriori informazioni, si prega di visitare PETA.org.uk.

#