H&M Conscious, Cassina e Philippe Starck Tra i Vincitori Dei Premi Dell’Arredamento Vegano 2019

 

Per pubblicazione immediata:

29 maggio 2019

Contatto:

Sascha Camilli +44 (0) 20 7923 6244; [email protected]

H&M CONSCIOUS, CASSINA E PHILIPPE STARCK TRA I VINCITORI DEI PREMI DELL’ARREDAMENTO VEGANO 2019

Da mobili fatti di pelle di mela a coperte da letto senza piume d’oca, la PETA lancia la lista dei migliori acquisti per una casa bella ed etica

Roma – Con l’aumento della richiesta per arredi e accessori compassionevoli e sostenibili – che tiene il passo con l’aumento vertiginoso dello stile di vita vegano – la terza edizione del premio Vegan Homeware Awards della PETA riconosce i migliori progetti e innovazioni di quest’anno per una casa senza crudeltà.

H&M Home ha vinto il Miglior tappeto senza lana per il suo tappeto in cotone riciclato con motivi stampati della collezione Conscious; Weaver Green è stato premiato come Miglior ottomano senza lana per il suo ottomano Ink Kasbah, realizzato con bottiglie di plastica riciclate; il premio per il Miglior cuscino senza piume è andato a Hetty + Sam per il suo Duck Egg & Copper Cushion; Eden Perfumes ha ottenuto il premio Migliore candela vegana per la sua candela in cera di soia Lime, Basil & Mandarin; House of Kindha vinto il premio come Migliore coperta senza lana per la sua coperta Polku Throw artigianale; The Fine Bedding Company è stata premiata come Miglior biacheria da letto senza piume per la sua gamma vegana Smartdown, realizzata con fibre riciclate; e il premio per il Migliore accessorio per il compagno animale è stato vinto da Ocado per il suo letto per cani Scruffs Eco Donut della linea Fetch, realizzato in pile riciclato.

Tra gli altri vincitori c’è il marchio di mobili italiano di lusso Cassina, che ha ricevuto il Premio collaborazione, per collaborare con l’icona del design Philippe Starck – che ha creato dei mobili per l’installazione Croque la Pomme utilizzando gli scarti delle mele – e il designer olandese Tjeerd Veenhoven, che ha vinto il Premio innovazione per una collezione di bellissimi tappeti vegani realizzati in pelle di palma.

“Mai come ora è facile per i consumatori compassionevoli decorare le loro dimore con oggetti per la casa belli e senza crudeltà”, afferma la direttrice della PETA Elisa Allen. “La PETA è lieta di onorare le aziende lungimiranti che stanno andando incontro la crescente domanda di arredamento vegano con oggetti alla moda e funzionali per rendere piacevole ogni spazio di casa.”

La PETA, il cui motto recita in parte che “gli animali non sono nostri da abusare in alcun modo”, ha pubblicato diverse denunce che rivelano che molti animali uccisi per la loro pelle subiscono castrazione, marchiature (a fuco) e il taglio della coda senza antidolorifici, prima di essere scuoiati e smembrati – anche se ancora coscienti. Le piume vengono dolorosamente strappate da oche vive, e gli operai prendono a pugni e calci delle pecore gentili e addirittura rompono il collo ad alcune mentre le tosano violentemente per la loro lana. Oltre ad essere più etici con gli animali, i tessuti vegani – sia naturali che sintetici – hanno un’impronta ambientale minore rispetto alla devastazione causata dall’agricoltura animale e dalle sostanze chimiche che sono spesso necessarie per impedire la decomposizione dei materiali di origine animale nelle case degli acquirenti.

Per ulteriori informazioni su ciascuna categoria e per le foto di tutti i prodotti vincenti, visita PETA.org.uk.

 

#