Mai più foie gras a Strasburgo: la sede del Parlamento europeo vieta dagli eventi ufficiali il pâté, prodotto in modo crudele

 

Mai più foie gras a Strasburgo: la sede del Parlamento europeo vieta dagli eventi ufficiali il pâté, prodotto in modo crudele

Roma – In seguito all’appello di PETA Francia relativo alla crudeltà della produzione di foie gras, il sindaco di Strasburgo Jeanne Barseghian ha confermato la sua decisione di eliminare il pâté da tutti gli eventi ufficiali della città – una mossa significativa per una città un tempo conosciuta come la capitale francese del foie gras.

La marea sta rapidamente montando contro il foie gras, anche in Francia, dove eminenti chef si rifiutano di servirlo. Alcuni stanno persino creando ricette di faux gras: la versione vegana dello chef stellato Michelin Alexis Gauthier è composta da funghi e noci.

“La crudeltà verso oche e anatre non è più accettabile in una società moderna e la PETA ringrazia il sindaco di Strasburgo per la sua compassionevole decisione di bandire dalla tavola il ripugnante foie gras”, afferma la vicepresidente dei programmi internazionali della PETA Mimi Bekhechi. “La tortura non deve trovar posto al tavolo da pranzo: il faux gras è la direzione da prendere”.

PETA fa presente come, nella produzione di foie gras, i lavoratori alimentino forzosamente oche e anatre, forzando tubi di metallo nella loro gola e pompando grano e grasso nel loro stomaco più volte al giorno, in un processo barbaro noto come “gavage”. Questo fa sì che il fegato degli animali si gonfi fino a 10 volte la dimensione naturale, premendo contro i loro polmoni e compromettendone la respirazione. Le denunce della PETA hanno rivelato che i tubi di alimentazione feriscono alcuni uccelli in maniera così grave da procurare loro buchi nel collo. Questo processo è così crudele che il Comitato Scientifico dell’UE per la Salute e il Benessere degli Animali dichiara che “l’alimentazione forzata di anatre e oche deve cessare e questo potrebbe essere facilmente ottenuto col divieto di produzione, importazione, distribuzione e vendita di foie gras”.

PETA, il cui motto recita, tra l’altro, che “gli animali non sono nostri da mangiare” si oppone allo specismo, una visione del mondo basata sulla supremazia dell’essere umano. Per ulteriori informazioni, visita PETA.org.uk o segui il gruppo su FacebookTwitter o Instagram.

Contatti:

Sascha Camilli +44 (0) 20 7923 6244; [email protected]

#