Paul Smith conferma il bando alla pelle di canguro

 

Per pubblicazione immediata:
3 febbraio 2020

Contatto:
Sascha Camilli +44 (0) 20 7923 6244; [email protected]

PAUL SMITH CONFERMA IL BANDO ALLA PELLE DI CANGURO
Il marchio di lusso ha vietato tutte le pelli esotiche a seguito degli appelli PETA

Roma – A seguito degli appelli della PETA, l’iconico marchio di moda britannico Paul Smith ha annunciato il divieto di pelli esotiche in tutte le sue future collezioni. Il marchio ha anche affermato che il divieto include la “K-leather”, dichairando che “la nostra nuova politica, che è stata recentemente pubblicata sul nostro sito Web … include anche [il canguro] e le pelli esotiche”.

“Dietro ogni accessorio realizzato con la pelle di canguro, pitone o alligatore c’è un animale che non voleva morire”, afferma Yvonne Taylor, direttrice dei progetti aziendali della PETA. “La decisione di Paul Smith di vietare le pelli esotiche risparmierà enormi sofferenze agli animali e la PETA invita altre marche di lusso a seguire il suo esempio compassionevole”.

Dopo la pubblicazione delle crudi immagini dei canguri carbonizzati in Australia, e alle notizie secondo cui i loro habitat sono stati drasticamente danneggiati dai recenti incendi, sempre più persone chiedono la fine del massacro dei canguri sanzionato dal governo, per cui gli animali vengono sparati. Quelli che sono feriti e non uccisi – così come i cuccioli di canguro rimasti orfani – vengono decapitati o colpiti bruscamente sulla testa per “distruggere il cervello” prima che le loro pelli vengano strappate in modo che possano essere esportate e trasformate in accessori.

La PETA – il cui motto dice, tra le altre cose, che “gli animali non sono nostri da indossare” – ha pubblicato diverse indagini sull’industria delle pelli esotiche. Gli alligatori sono tenuti in acqua putrida all’interno di capannoni bui e malsani prima che il loro collo venga inciso e delle aste metalliche vengano spinte nella loro testa nel tentativo di spappolare il cervello, spesso mentre sono ancora pienamente coscienti. Gli struzzi di un anno vengono trasportati in camion nei mattatoi, dove gli impiegati li capovolgono in uno storditore, gli tagliano la gola e gli strappano le piume. E i serpenti vengono comunemente inchiodati sugli alberi prima che i loro corpi vengano aperti da un’estremità all’altra mentre vengono spellati vivi.

Proibendo le pelli esotiche, Paul Smith – che ha 90 negozi e 21 punti vendita in tutto il mondo – si unisce a Chanel, Victoria Beckham e al lussuoso grande magazzino Selfridges, il cui divieto per le pelli esotiche entra in vigore questa settimana.

Per ulteriori informazioni, visita PETA.org.uk.

#