PETA offre consigli per la salvaguardia degli animali durante gli incendi forestali

 

PETA offre consigli per la salvaguardia degli animali durante gli incendi forestali

Roma – Con il propagarsi degli incendi forestali in Italia, la PETA sta divulgando alcune informazioni per tutelare la sicurezza degli animali da compagnia, qualora l’emergenza interessasse altre abitazioni e venissero emessi nuovi ordini d’evacuazione. Vi preghiamo di diffondere le raccomandazioni indicate di seguito, in quanto potrebbero aiutare a salvare la vita di gatti, cani, uccelli domestici e altri animali che devono essere inclusi nei piani di evacuazione:

  • Nell’eventualità di un’evacuazione nella vostra area, non abbandonate mai gli animali da compagnia a loro stessi: non sono meglio equipaggiati degli esseri umani per sopravvivere a un disastro.
  • Informatevi in anticipo riguardo alla vostra destinazione. Spesso, i rifugi per le vittime umane non consentono l’ingresso agli animali, ma in caso d’emergenza alcune strutture ricettive della zona potrebbero accettarli. Contattate i luoghi di destinazione in anticipo, cercando di capire quali rifugi ospiteranno sia voi che i vostri animali.
  • Non lasciate mai gli animali incustoditi in un veicolo: potrebbero andare nel panico e cercare di fuggire, o accusare un colpo di calore con temperature superiori ai 21°C, anche se provvisti d’acqua e con i finestrini leggermente abbassati.
  • Sistemate gli animali di piccola taglia in un trasportino sicuro. I cani andrebbero tenuti al guinzaglio con un’imbracatura, in quanto i rumori forti e i luoghi estranei potrebbero farli scattare, causandone lo scappare. Portate con voi delle ciotole per l’acqua e il cibo, il gioco o la copertina preferita del vostro animale, un asciugamano e una quantità di cibo sufficiente per almeno una settimana.
  • I residenti delle aree interessate dal fumo e dalla caduta di cenere dovrebbero tenere i propri animali in casa, ed evitare attività all’aperto quali la corsa con i cani. Quando la visibilità è inferiore agli 8 km, significa che il fumo ha compromesso la qualità dell’aria e ha raggiunto livelli tossici.

La PETA – il cui motto recita parzialmente che “gli animali non ci appartengono per abusarne in alcun modo” – si oppone allo specismo, una visione del mondo basata sulla supremazia umana. Per maggiori informazioni, visita PETA.org.uk o segui il gruppo su FacebookTwitter o Instagram.

Contatto:

Sacha Camilli +44 (0) 20 7923 6244; [email protected]

#