PETA Stati Uniti esorta Prada ad abbandonare le pelli esotiche prima della riunione annuale, citando il rischio pandemie

 

Per pubblicazione immediata:

25 maggio 2020

Contatto:

Sascha Camilli +44 (0) 20 7923 6244; [email protected]

PETA STATI UNITI ESORTA PRADA AD ABBANDONARE LE PELLI ESOTICHE PRIMA DELLA RIUNIONE ANNUALE, CITANDO IL RISCHIO PANDEMIE

Da azionista, il gruppo chiede alla maison di smettere di sostenere lo sporco commercio di animali selvatici

Milano – Mentre la pandemia di coronavirus continua a reclamare vite, la PETA Stati Uniti ha scritto a Prada prima dell’incontro annuale degli azionisti della società, che si terrá online martedì, per sollecitare l’azienda a smettere di vendere accessori realizzati con le pelli di animali selvatici. Gli esperti di conservazione avvertono che l’industria delle pelli esotiche alimenta il rischio di ulteriori epidemie, perché come nei “mercati umidi”, gli animali selvatici che utilizzano sono confinati e macellati in condizioni poco igieniche, potenzialmente dando origine ai virus.

“La PETA e i nostri affiliati hanno documentato non solo la crudeltà verso gli animali, ma anche le condizioni pericolosamente antigieniche negli allevamenti negli Stati Uniti, in Africa e in Asia”, scrive Dan Mathews, vicepresidente senior della PETA Stati Uniti, “I consumatori di tutto il mondo sono preoccupati e allo stesso tempo interessati nel vedere come i brand risponderanno a questa nuova era, e ci piacerebbe promuovere Prada come l’ultima azienda a lasciare gli animali selvatici in pace.”

La PETA sottolinea che la SARS e il nuovo coronavirus hanno infettato per primi gli esseri umani che sono entrati in stretto contatto con la fauna selvatica in cattività nei mercati di animali vivi dove gli animali sono confinati in minuscole gabbie di metallo, il sangue e altri fluidi corporei si mescolano e le malattie facilmente si diffondono. I Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie negli Stati Uniti avvertono che circa il 75% delle malattie infettive emerse di recente che colpiscono l’uomo ha origine negli animali.

Il gruppo – il cui motto recita, in parte, che “gli animali non sono nostri da indossare” – ha pubblicato un video rivelatore delle più grandi aziende al mondo di macellazione di struzzi, che forniscono Prada e altri marchi. Il filmato rivela che questi giovani uccelli vengono tenuti su squallidi allevamenti prima di essere ammassati in camion, trasportati in mattatoi e colpiti con scariche elettriche prima che le loro gole vengano tagliate.

Le rivelazioni del gruppo del settore delle pelli di rettile hanno scoperto ulteriori crudeltà. In una fattoria di coccodrilli in Vietnam, decine di migliaia di coccodrilli erano tenuti in piccoli e sporchi recinti di cemento, alcuni più stretti della lunghezza dei loro corpi. Gli alligatori di un allevamento del Texas erano tenuti in acqua fetida in umidi capannoni bui prima che il loro collo venisse aperto e delle aste di metallo inserite nella testa nel tentativo di spappolare il cervello, spesso mentre erano pienamente coscienti.

A seguito di queste rivelazioni, brand come Chanel, Jil Sander, Victoria Beckham, Paul Smith e Mulberry hanno già preso una decisione compassionevole di vietare le pelli esotiche in tutte le future collezioni.

La lettera della PETA Stati Uniti inviata Prada è disponibile qui. Per ulteriori informazioni, visita PETA.org.uk.

#