Urban Outfitters pesantemente contestato dopo l’esposto sull’industria della lana di PETA

 

Urban Outfitters pesantemente contestato dopo l’esposto sull’industria della lana di PETA

Lavoratori sotto inchiesta dopo essere stati filmati prendendo a calci e pugni le pecore

Roma – Con le festività in rapido arrivo, PETA sta rilasciando riprese completamente nuove su un’indagine PETA Asia, che mostrano violenza nei confronti delle pecore nell’industria della lana in Australia – la quale ne produce l’88% delle forniture per l’abbigliamento nel mondo – e incoraggiando le persone ad eliminare regali fatti in lana dalle loro liste della spesa. 

Un tosatore era in piedi sul collo di una pecora, prendendone a pugni in faccia altre due, un supervisore ha preso a calci due pecore, e altri tosatori tagliavano interi pezzi di pelle da alcune pecore, lasciandone molte altre con sanguinose ferite. Un altro tosatore non ha dato a una pecora alcun antidolorifico prima di ricucire una ferita aperta con un ago che sembrava essere spuntato. In un altro incidente, un tosatore ha tagliato una pecora fortemente incinta sul prolasso vaginale e poi usato la sua lana per ripulirne il sangue dal pavimento. Quando l’investigatore PETA Asia ha portato la pecora dal veterinario, si è scoperto che essa aveva cercato di partorire un agnello, nato morto, ed è stato necessario ricorrere all’eutanasia su di lei.

PETA sta sollecitando Urban Outfitters, Inc, che vende lana australiana, a smettere di venderla, così come altri materiali derivati da animali, globalmente su tutti i suoi brand, che includono Anthropologie, Free People e Urban Outfitters.

“Vendendo maglioni e sciarpe di lana, Urban Outfitters sta traendo profitto da pecore che sono state prese a calci e pugni, o lasciate in una pozza del proprio sangue su un pavimento di un capanno da tosatura”, afferma il direttore PETA Elisa Allen. “Durante questa stagione festiva, PETA sta sollecitando Urban Outfitters perché possa prendere posizione contro l’abuso di animali, passando esclusivamente agli stilosi design vegani che già offre.”

L’investigatore ha anche documentato dei lavoratori mentre parlavano di altri tosatori che avevano rotto una zampa a un agnello, ferito una pecora, e scavato nei loro occhi. Un tosatore, ancora impiegato dal gruppo, secondo quanto riportato avrebbe tirato via l’orecchio di una pecora a morsi in un atto di rabbia. In seguito a quanto scoperto da PETA Asia, dei funzionari a Victoria hanno lanciato un’inchiesta. Questo è il sesto esposto sull’industria della tosatura australiana e il quattordicesimo esposto sull’industria della lana mondiale effettuato da PETA e delle sue società affiliate, che hanno ormai evidenziato crudeltà verso le pecore su 117 proprietà in sei paesi e su quattro continenti diversi.

Delle foto sono disponibili qui, e materiale video di qualità da trasmissione è disponibile qui.

PETA – il cui motto recita in parte che “gli animali non ci appartengono per essere indossati” – si oppone allo specismo, una visione del mondo basata sulla supremazia umana. Per ulteriori informazioni, si prega di visitare PETA.org.uk o seguire il gruppo su TwitterFacebook, o Instagram.

Contatto:

Sascha Camilli +44 (0) 20 7923 6244; [email protected]

#