NON COSÌ ‘ESTREMISTA’: LA CAMPAGNA PETA DIMOSTRA QUANTO SIA FACILE DIVENTARE VEGANI CON UN SEMPLICE CAMBIO

 

Per pubblicazione immediata:

06 febbraio 2017

Contatto:

Sascha Camilli +44 (0) 20 7837 6327, est. 235; [email protected] 

NON COSÌ ‘ESTREMISTA’: LA CAMPAGNA PETA DIMOSTRA QUANTO SIA FACILE DIVENTARE VEGANI CON UN SEMPLICE CAMBIO

Una nuova campagna pubblicitaria suggerisce semplici modifiche quali il latte di soia al posto del latte vaccino

Roma – L’interesse per la vita vegan è in piena espansione in Italia, e PETA sta affrontando i miti legati ai pasti vegan a base vegetale con una nuova campagna pubblicitaria che mostra un bambino sorridente con un contenitore di latte di soia accanto alle parole “Estremista? Diventare vegano può essere semplice quanto sostituire il latte vaccino con il latte di soia. Per la vostra salute e per gli animali, provate una dieta vegana”.

La nuova campagna pubblicitaria (disponibile qui) arriva dopo la tanto derisa proposta di legge italiana che prevede il carcere per i genitori che alimentano i propri figli con pasti a base vegetale.

“Quest’anno PETA sta ricordando ai genitori che non c’è niente di estremo nel dare ai bambini pasti equilibrati e sani a base di frutta, verdura, noci, cereali e fagioli come la soia”, dice il direttore dei programmi internazionali di PETA Mimi Bekhechi. “Ciò che è veramente estremo è uccidere gli animali semplicemente per il gusto di un pasto non sano.”

PETA – il cui motto recita, in parte, che “gli animali non sono nostri da mangiare o da abusare in qualsiasi altro modo” – osserva che mentre le vendite di prodotti alimentari a base di latte e derivati sono in calo, le vendite di latte a base vegetale sono in piena espansione. Questo tipo di latte non contiene colesterolo che ostruisce le arterie, e le persone che evitano il latte vaccino hanno un rischio ridotto di sviluppare, tra gli altri disturbi, malattie cardiache, diabete e cancro.

Diventando vegani si riduce anche drasticamente la propria impronta di carbonio e si risparmiano agli animali immense sofferenze nelle industrie della carne, delle uova e dei latticini. Per esempio, le mucche di allevamento spesso soffrono di dolorose mastiti, un’infezione dolorosa delle loro innaturali grandi mammelle. Quando i loro corpi finalmente cedono dopo una vita di continue e forzate gravidanze, vengono inviate al macello per essere trasformate in hamburger di carne a buon mercato.

Per ulteriori informazioni, si prega di visitare PETA.org.uk.

 

 

#